LA LUNA E LA PULSIONE

“Che fai tu luna in ciel?”, beffardamente domandava Leopardi,
avendo già risposto ancora prima di domandare:
“Nulla!”

Finalmente il buon senso del buon non-senso!:
niente di drammatico o tragico, ossia isterico, in questo:
la “disperazione” leopardiana è semplicemente il candido rifiuto dell’accattonaggio di speranza.

La speranza non è un’esigenza o una domanda in natura:
se è, è un’offerta alla natura:
questa frase è troppo densa?, troppo breve?, comunque sarà da riprendere:
in ogni caso è un’alternativa in cui cambia tutto.

Natura, il tuo nome è banalità!:
non banale è la banalizzazione né più né meno che il crimine,
constatazione ovvia come dire che la ferocia non è nella natura degli animali ma solo tra gli uomini:
nel bene o nel male, essi sono meta-natura, e senza resti.

La questione del senso nella natura l’ha introdotta Freud per primo con la cosiddetta “pulsione”:
con essa la natura si fa individualmente una questione di soddisfazione.

La natura è frigida, e immobile in quanto catatonica:
quale che sia il suo moto, essa non è legislativa del suo moto, mentre nella pulsione c’è competenza individuale nella legislazione del moto del corpo.

In particolare, nella natura i sessi sono assolutamente frigidi, al più con rare eiaculazioni precoci come tra cavalli.

Ripeto che cambia tutto:
la psicopatologia stessa è interna a questa verità.

In fondo lo psicoanalista (= freudiano) dice truismi odiati.

Milano, 2 novembre 2007

 

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.