UN’IDEA

I molteplici usi della parola di ieri, “c.”,  come “testa di c.” (riferibile anche a donne), o “c.ate”, la staccano dal normale rapporto denotativo parole-cose, per conferirle un valore altamente astratto, da Idea platonica iperuranica, come il Bene, il Bello, il Giusto.

La parola “c.” è sinonimo della parola “fallo” nell’uso freudiano, ma così alta, nobile, sublime nella sua ascendenza greca:
il  volgare “c.” del volgare dantesco ha il merito di riportare sulla terra l’iperuranio platonico.

Non è stata sdoganata a lungo per salvare il sublime.

Il volgare popolo, nel suo uso smodato della parola “c.”, in fondo fa un’operazione filosofica, anche a difesa dei sessi, maschile e femminile, così feriti dal perdurante monopolio fallico.

venerdì 5 febbraio 2021

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.