PROFITTO

Sabato-domenica 27-28 giugno 2020
in anno 164 post Freud amicum natum

Da tempo ho risolto la parola “piacere” (“principio di piacere”) come profitto, o anche frutto ma con questa avvertenza:
il frutto non è la mela in sé o naturale ma la mela dopo raccolta (per consumo o commercio) ossia dopo un lavoro anche per produrla.

Con spaventosa telegrafia aggiungo che è implicato anche il lavoro di un altro, implicazione di cui l’intelligenza artificiale non ha intelligenza:
ecco il moto del pensiero detto desiderio.

Da secoli il desiderio del profitto è quello capitalistico, poco analizzato, poco condiviso, e forse non così eterno.

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.