IDEE VUOTE

Ero ancora molto giovane quando la parola “felicità” si è ridotta a un rimbombo acustico lontano e fastidioso, o a certe pubblicità di bambini ridenti e gioiosi (che da grandi potrebbero fare una class action per diffamazione).

In verità è l’idea oscura di “istinto” confusamente dedotta dal presupposto fideistico che la natura ci doterebbe di una causalità del nostro moto, benché problematica e caotica nel nostro caso.

“Felicità” non è l’unica delle idee vuote (vedi Scienza e verità 16-17 maggio).

giovedì 21 maggio 2020

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.