VOCAZIONE E CAUSALITÀ

Scrive bene un giornalista che “Abbiamo rinunciato alla lettura vocazionale della vita”, ma scrive male quando continua “che è pur evidente in ogni elemento del creato, sempre proteso verso un compimento o scopo”:
scrive male perché nella natura, “creato”, non c’è scopo, meta, e il virus non fa eccezione anche quando ci nuoce (secondo noi, non secondo “lui” che non esiste, macina soltanto):
vocazione non è causalità:
ecco la scienza di Freud che nella nostra legge di moto (“pulsione”) pone la meta.

Siamo non solo danneggiati ma sconcertati, perplessi.

mercoledì 29 aprile 2020

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.