VOCAZIONE E CAUSALITÀ

Scrive bene un giornalista che “Abbiamo rinunciato alla lettura vocazionale della vita”, ma scrive male quando continua “che è pur evidente in ogni elemento del creato, sempre proteso verso un compimento o scopo”:
scrive male perché nella natura, “creato”, non c’è scopo, meta, e il virus non fa eccezione anche quando ci nuoce (secondo noi, non secondo “lui” che non esiste, macina soltanto):
vocazione non è causalità:
ecco la scienza di Freud che nella nostra legge di moto (“pulsione”) pone la meta.

Siamo non solo danneggiati ma sconcertati, perplessi.

mercoledì 29 aprile 2020

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.