DA FARE

“Non c’è niente da fare”:
c’è stato un momento in cui ho difeso e sostenuto questa frase, visto che “da” designa imperativo.

Oggi il Governo prescrive il da-non-fare, a motivo del men che stupido e non bellicoso virus.

Non posso non pensare al fatto che secoli fa la Cultura (non dico Civiltà) si è costruita sul da-fare.

Rischiamo di passare dal’uno all’altro in ciò che li omologa.

martedì 24 marzo 2020

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.