PREMEDITAZIONE

Il pensiero è azionabile, scrivevo martedì scorso, perché è un’agenzia legale, azionabile a  produrre leggi:
lo sapeva bene Kant, che ne ha prodotto l’imperativo categorico, in cui Freud non ha esitato a riconoscere il superio:
a nostra volta dovremmo riconoscere che Kant ha vinto.

La nostra azione principale è la premeditazione delle leggi della nostra azione.

Risiede in questa premeditazione l’alternativa tra innocenza e non innocenza:
innocente può esserlo il pensiero.

giovedì 13 febbraio 2020

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.