ETERNITÀ

La psicopatologia tende all’eternità, a partire dalla rimozione che ha come programma l’aggiornamento senza fine (domani-domani-…):
vero che il rimosso ritorna (ha i suoi diritti), ma non è mai attualità.

Se io fossi il Buondio farei attenzione alla concorrenza nell’eternità:
oltre alla concorrenza stessa rischierei di trovarmi in Cielo un manicomio generalizzato, senza che la morte abbia introdotto una discontinuità.

E d’altronde non potrebbe cedere il posto a Freud pur facendogli posto.

Ma perlomeno, l’incomprensibile eternità è diventata una questione pratica, trattabile.

lunedì 4 novembre 2019

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.