ETERNITÀ

La psicopatologia tende all’eternità, a partire dalla rimozione che ha come programma l’aggiornamento senza fine (domani-domani-…):
vero che il rimosso ritorna (ha i suoi diritti), ma non è mai attualità.

Se io fossi il Buondio farei attenzione alla concorrenza nell’eternità:
oltre alla concorrenza stessa rischierei di trovarmi in Cielo un manicomio generalizzato, senza che la morte abbia introdotto una discontinuità.

E d’altronde non potrebbe cedere il posto a Freud pur facendogli posto.

Ma perlomeno, l’incomprensibile eternità è diventata una questione pratica, trattabile.

lunedì 4 novembre 2019

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.