PERCEZIONE ECONOMICA

Diversi decenni fa certi Psicologi hanno inventato la Psicologia della percezione (sensoriale-visiva), trascurando il fatto che c’è la percezione economica, di cui il bambino fin da piccolo è vistosamente dotato (per esempio introducendo in bocca qualsiasi cosa):
la stessa percezione uditiva le è subordinata, e anche quella visiva nella lettura.

E’ alla percezione economica che si è rivolta l’attenzione di Freud, fino a vederla promossa come principio di piacere, e compromessa (ma mai definitivamente perduta) nella patologia.

L’educazione ignora per principio la percezione economica, fino a fare di questa ignoranza un valore della civiltà:
anzitutto l’amore deve ignorarla.

lunedì 4 febbraio 2019

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.