ALLUCINAZIONE SECOLARE

L’allucinazione riguarda uno dei più celebri, e problematici, endecasillabi danteschi:
“amor ch’a nullo amato amar perdona” (Inferno V, 103).

E’ un’allucinazione verbale perdurante da sette secoli che consiste in un “non” di troppo:
“amor ch’a nullo amato non amar perdona”.

Ma in Dante questo “non” manca, e non per lapsus (impossibile non fosse che per ragioni metriche).

Sull’amore Dante non aveva la banalità di tutti, e a tutti ne ha proposto il problema millenario con un verso assassino eppure non equivoco.

giovedì 12 luglio 2018

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.