IL CONTO DELL’OSTE 2

Anche l’articolo di ieri dovrebbe tenere il cartellone.

La vendetta, sanzione proibita dalla norma giuridica con la propria sanzione, produce un’ingiustizia ulteriore non concepibile prima e non più sanzionabile, in cui il filo del diritto è perduto e in cui della giustizia rimane solo la reminiscenza nell’ingiustizia.

La piazza rimane, come le viscere di  questa reminiscenza.

Resta da trovare il filo, che era già tenue prima, smarrito nell’oscurità dell’Ideale riempito dal flatus vocis della parola pop “giustizia”.

lunedì 4 giugno 2018

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.