MINACCIA

In un primo tempo si viene trattati bene (può capitare), e non si fa neppure caso se la parola “amore” era già sulla scena linguistica (sulla mia è apparsa tardi):
è a partire da quando fa  la sua minacciosa apparizione autonoma dal trattare che tutto si confonde, mentre prima si sapeva distinguere trattare bene o male, ossia il principio di piacere era chiaro e distinto, già colto.

“Trattare” è un verbo poco … trattato, ossia c’è poca morale, anzitutto pensando che parlare è trattamento (trattato) prima che comunicazione (non si fa mai “per dire”):
il mal-trattamento prevale (almeno nella Cultura).

Non “prevale sovrano”, nel maltrattamento non c’è sovranità.

mercoledì 14 febbraio 2018


Accedi alle statistiche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi