BUFFONE DEI BUFFONI

Mi secca difendere Donald Trump [1], questo uomo che nei salotti eleganti si mette le dita nel naso fino al gomito:
mi ricorda Caligola che faceva senatore il suo cavallo (Caligola non era matto).

Ricordo la sua volgarità nei dibattiti televisivi con la sua volgarissima contendente Hillary:
politicamente scorrettissimo, non è stato lui ma i suoi predecessori politicamente corretti a disastrare il Medio Oriente, premessa a un esodo ancora interminabile.

Con il suo omologo nordcoreano ha fatto a chi ce l’ha più grosso, sbullizzando così tutti i bulli del mondo, e poi tutti ai Giochi olimpici di Seul:
come buffone in altissima sede avrebbe offerto a Shakespeare un fecondo spunto.

Mi si obietterà che non lo fa apposta?, che gli viene spontaneo?, che è matto?:
ma da quando in qua i matti sono spontanei?, gli viene naturale?

Per fare diagnosi psicopatologica  basta poco, per esempio sentir chiamare “lettino” il divano dell’analista (delirio peggiore che chiamare asino un cavallo), o “strizzacervelli” lo psicoanalista.

E poi, che c’entra la psichiatria con la psicoanalisi?

[1] A proposito del recente libro americano The dangerous case of Donald Trump, testi di 27 psichiatri americani a cura della psichiatra Bandy Lee.

mercoledì 10 gennaio 2018

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.