UN LAPSUS, O MILLE

Poco tempo fa ho narrato e commentato in pubblico un lapsus:
“funerale” invece di “matrimonio”:

di lì a poco più persone mi hanno raccontato di averlo commesso o di averlo sentito commettere, il che mi è parso normale cioè un esempio di normalità.

Non è un lapsus funebre, un semplice rovesciamento, il pensiero(-inconscio) non lavora così:
semplicemente lavora (in questo caso su “matrimonio”), e ciò facendo non riconosce un’autorità superiore:
non è ribellione, con la sua autorità ordina dove c’è disordine.

Così per mille lapsus, o sogni, e non solo né anzitutto.

martedì 12 dicembre 2017

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.