TURPILOQUIO QUOTIDIANO

C’è turpiloquio quotidiano, ubiquitario, come vita linguistica tra estetica e morale, tolleranza civile della patologia (rincaro, si tratta di dissenteria fraseologica).

Il discorso moderno della tolleranza non ha considerato quest’ultimo caso (intollerante).

Buona lingua l’inglese quando ha definito la patologia come dis-ease, dis-facilità che significa “non va”, moto inibito.

mercoledì 1 novembre 2017

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.