DAL DIARIO AL GIORNALE CIOÈ AL DIARIO

Sabato-domenica 25-26 novembre 2017
in anno 161 post Freud amicum natum

La parola “Diario” sarebbe sinonimo di “Giornale” o “Quotidiano”, salvo la differenza umiliante e offensiva che è fatto per il cassetto (o “sotto il moggio”).

Sono per un  giornalismo individuale fatto di frasi confezionate cioè intelligibili per tutti, così’ da passare finalmente da inefficaci e sconfitti “diritti umani” all’essere personalità giuridiche, come le Istituzioni:
è questa l’uguaglianza, non quella di reddito quando questo non è così basso da staccare il pensiero dal corpo finalizzandolo alla sopravvivenza biologica.

L’ho pensato per la prima volta molti anni fa quando mi sono chiesto efficacemente che cosa è un’analisi (freudiana):
è il passaggio dal Diario al … Diario, potrei anche dire alla Politica o all’universo senza bisogno di andare in Parlamento o in un Partito, e senza per questo ritirarmi a vita privata:
la psicopatologia è vita privata.

Non c’è “Piccolo principe”, questa espressione è la puerilità della bestemmia contro gli uomini:
è il racconto forse più commercializzato della storia.

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.