LA STUPIDITÀ COME PATOLOGIA

Prima di tornare su Barcellona-Guernica (vedi ieri), una parola sul mio percorso.

La mia iniziale formazione medica mi è servita, come già a Freud, a cogliere la psicopatologia (nevrosi anzitutto) come patologia, precisa e formale, non come vago disagio o malessere esistenziale.

Solo più avanti ho incontrato il concetto di “stupidità nevrotica”, ossia di un vulnus del pensiero contestuale alla patologia (Kraepelin usava la parola “dementia):
esso designa la via per potere pensare sia la guarigione sia la politica.

venerdì 13 ottobre 2017