MA TU CE l’HAI L’INCONSCIO?

Sabato-domenica 17-18 giugno 2017
in anno 161 post Freud amicum natum

Questa domanda si pone a tutti, contrariamente a quel che si crede:
in breve, dico che l’“inconscio” bisogna meritarselo (non è come i fatti ereditari, congeniti, passivamente acquisiti):
è il caso del bambino, che se lo è meritato con le sue buone opere (ma guarda dove ho collocato il vecchio linguaggio teologico!).

Il suo non è l’inconscio come lo conosciamo noi nevrotici, è semplicemente pensiero senza ancora la distinzione della coscienza (omissione e sistematizzazione):
una volta costituitasi l’inimicizia al pensiero, si costituirà la coscienza come difesa svantaggiosa e deformante, e rimarrà il pensiero che spesso si accontenta di irruzioni episodiche – sogno, lapsus -, ma non solo – Cristoforo Colombo che non ha ceduto su un suo pensiero contro la povera avara coscienza di certi contemporanei:
questo pensiero ha sempre un agente con soggetto grammaticale.

Colombo è stato come il bambino che a due anni ha superato due volte Mozart (tra le sue buone opere).

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.