TIMIDEZZA ISTITUZIONALE DELL’ “INCONSCIO”

Scelgo tra mille un lapsus che ho riferito recentemente, alteggiarmi al posto di atteggiarmi, ossia la confessione, caso di riconoscimento di una verità, che io non mio atteggio ma mi alteggio.

Nel lapsus si è trattato di un atto, con cui il mio pensiero ha riasserito la propria ortodossia contro un errore.

Ma non si è trattato di una riasserzione sovrana, bensì di una riasserzione timida:
il pensiero in questo stato di timidezza è quello che chiamiamo “inconscio”.

Prosciolto da questo stato il pensiero, cioè l’individuo umano, è un’Istituzione non minore delle altre, un’autorità con propri mezzi assertivi e correttivi.

lunedì 3 aprile 2017

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.