POTERE TIMIDO DI UN LAPSUS

Ne do un altro esempio (dopo i due articoli precedenti), quello del titolo di un celebre film del passato:
Je t’aime moi non plus” invece di: “Je t’aime moi aussi”,
Ti amo neanch’io” invece di “Ti amo anch’io”.

Ne avevo parlato in passato senza accorgermi che era un lapsus (tecnica del lapsus) celebrato su grande schermo:
cioè, nell’innamoramento non sono affatto in-amorato.

Ecco l’“inconscio”, pensiero assertivo e correttivo ma nella timidezza del giudizio (universale, certo):
timidezza significa timore, timore di perdere l’amore (con l’eccezione del lapsus), angoscia.

Il pensiero senza timidezza, ma non perché si conserva rialzando la testa nella violenza, è la meta:
dico meta, potere, il resto è soprappiù.

Fine dell’“inconscio”?, ma non della risorsa d’eccezione in cui esso consiste:
il pensiero interviene anche quando non ce n’è bisogno, anzi il bisogno non è il suo regime.

mercoledì 5 aprile 2017

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.