DETESTARE SENZA ODIARE

“Test” – vedi ieri – significa prova, che però non significa dimostrazione:
non si tratta di dimostrare la natura che percepisco, né di dubitare della percezione sensoriale, ma di raddoppiare questa come percezione  economica cioè del frutto:
“l’albero si giudica dai frutti” è il principio di una dottrina illimitata e alternativa a una millenaria teoria della conoscenza.

Il vino è il test o prova di realtà dell’acino, che il cane in vigna non conosce cioè non ne fa una materia prima per mezzo del pensiero come agente economico:
ecco la pecca del pensiero platonico, lo stesso per il quale l’amore è un miserabile figlio di miserabili:
non c’è amore ma solo affari amorosi.

La miseria allora è l’irrealtà della realtà, la miseria della pura natura detta “i poveri”:
la realtà del nostro mondo produce irrealtà, dunque attenzione al “realismo”!

De-testo ogni altro test:
che non odio cioè non gli riservo il mio tempo perché lo rinforzerei.

venerdì 21 aprile 2017

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.