STALIN, PD, 1956

A proposito della scissione del PD, rammento che anni fa scrivevo che diversi post-comunisti hanno il frequente incubo di venire ghermiti da Stalin, non pensano che a “Lui”.

Oggi sono tornato a leggere il libro di Luciano Canfora, 1956 L’anno spartiacque (Sellerio 2008), quello del XX Congresso del PCUS e del “rapporto segreto” di Krusciov sui crimini di Stalin:
da allora comunisti, postcomunisti, e adesso membri del PD, non hanno più saputo distinguere potere e crimine:
ma questo è un crimine.

Nel loro incubo quei politici “alla margarina” (espressione cara a Stalin) avevano ragione su un punto:
il Compagno Stalin li avrebbe mandati al gulag:
e avrebbe avuto torto criminale, ma solo sul gulag.

Propongo un nuovo comandamento:
“Non nominare il nome ‘potere’ invano” perché produrrai miseria e patologia.

mercoledì 1 marzo 2017

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.