VANVERA

Poiché sono di animo gentile, mi piace pensare che nell’espressione “a vanvera” ci si rivolga a una Vanvera, eufonico nome femminile:
eufonico magari sì, ma poiché non se ne sa nient’altro e non ci si combina niente, tutto finirà “a vanvera” (capita frequentemente in drammi e farse d’amore e politica).

Più spesso si va “alla carlona”:
ma che si tratti di una gentil Vanvera o una goffa Carlona, si tratta sempre di cose tirate lì alla bell’e meglio come diceva il Presidente Schreber (flüchtig hingemacht):
nella sua espressione Schreber era severo, dato che parlava di “uomini tirati lì alla bell’e meglio” (flüchtig hingemachte Männer), a vanvera o alla carlona.

Il vecchio parlare  a vanvera o alla carlona è oggi sostituito dalla “narrazione”, parola sempre più in uso in politica:
la sua tendenza è quella di sostituire ogni fatto (resta narrazione-emozione).

martedì 7 febbraio 2017

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.