DIVIDE, ET IMPERA?

In una buona conversazione con un neurologo ho avuto occasione di replicare che non ammetto la distinzione spirito/mente o psiche, inconscio e anima, ragione e cuore, c’è solo pensiero che ha vita attiva quanto passiva(-passionale anch’essa attiva):
ieri scrivevo che ha vita olfattiva e gustativa, due casi del giudizio.

Aggiungevo che queste distinzioni sono dei divide et impera, ma mi devo correggere:
oggi il comandare o dominare è una passione in via di decadenza, senza che si possa osservare che la democrazia ne è il sostituto:
qui c’è posto per il pensiero, principio singolare di civiltà.

giovedì 9 febbraio 2017

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.