SULL’ANTIUMANITÀ

Verso il termine della sua vita (1881-1942), Stefan Zweig scriveva:
“Inerme e impotente, dovetti essere testimone della inconcepibile ricaduta dell’umanità in una barbarie che si riteneva da tempo obliata e che risorgeva invece col suo potente e programmatico dogma dell’antiumanità” (Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo 1941).

Sbagliava soltanto nel titolo Il mondo di ieri, essendo il nostro di oggi, il che mi rende consenziente con il significato giovanneo della parola “mondo”.

L’antiumanità dovrebbe essere una scoperta, non solo il nome di un argomento morale:
devo a Freud come fonte l’umanità come scoperta mai fatta.

venerdì 16 dicembre 2016

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.