MALUMORE

Si mangia, si parla, si fa l’amore, si lavora, si scrive, si fa politica con malumore, che è un affetto, una forma data all’agire, benché una forma infausta.

Il suo opposto, il buonumore, non sta da un’altra parte, è un’emozione, una maschera di carne sovrapposta al malumore e prelevata dal supermercato delle emozioni:
come è evidente nella pubblicità, è applicato anche ai bambini che, se più tardi vi si rivedranno, rideranno degli adulti che glielo hanno fatto fare:
come il malumore, il buonumore può essere feroce.

Il malumore è risolto dalla pace, di cui ho più volte sostenuto essere un affetto, una forma universale del pensiero:
ma della pace sappiamo poco, e meno ancora del gusto per la pace.

martedì 6 dicembre 2016

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.