AGENTE SOTTO COPERTURA

Lo si chiama “inconscio”:
è il pensiero stesso nell’infelice condizione del suo soggetto, grammaticalmente “io”, coatto a rispondere, se interrogato, con la nota formula “non so, non c’ero, se c’ero dormivo”:
però nell’ultimo pezzo c’è la piccola immensa ammissione del sogno (ce ne sono altre).

Fin qui l’agente del pensiero viveva sotto una copertura iperconvenzionale, quella della virtù privata dell’omertà detta “coscienza”, omissione e sistematizzazione.

Gli resta da passare alla virtù pubblica della verità soddisfacente, senza angoscia, non ostile e senza nemici.

giovedì 13 ottobre 2016

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.