BONNIE & CLYDE SPA

Non tutti sanno che ai loro funerali nel 1934, in cimiteri separati per disposizione dell’Autorità, hanno assistito rispettivamente 50.000 e 40.000 persone:
tanta folla ha così prodotto una curiosa beatificazione.

É evidente che i due hanno vissuto per alcuni anni in regime di appuntamento, benché nel loro caso la forma convinta di tale regime fosse criminale, che il loro rapporto era debitore di tale forma, che il loro lucro – realtà indispensabile al rapporto – derivava da tale forma, che è impossibile immaginarli non criminali:
penso che la polizia li abbia voluti non catturati ma morti (a colpi di mitra) per censurare l’idea che il delitto fa rapporto e guadagna.

Quel regime dell’appuntamento – rapporto con guadagno – che tanto fatichiamo a rendere intelligibile, è reso facilmente intelligibile con la mediazione del crimine (Bonnie & Clyde, Diabolik e Eva Kant, ma anche effettive associazioni criminali).

Apologia di reato?

Siamo tornati all’antica questione della felicità dell’ingiusto, correlata con l’infelicità delle masse.

Non cesso di portare come modesto esempio di regime dell’appuntamento quello posto da Freud come psicoanalisi, criminesente.

Da millenni va sprecato lo sposalizio, interdetto dall’essere SpA senza crimine.

venerdì 2 settembre 2016

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie