ISTEROPOLITICA

É ciò di cui parla un nuovo libro – Byung-Chul Han, Psicopolitica, Nottetempo 2016 appena recensito [1], che parla dell’avvento della “psicopolitica” al posto della precedente biopolitica:
l’idea-base è che il peggio lo facciamo liberamente noi, senza padroni esterni:
la recensione correla al fatto l’avvento dell’emoticon, del primato delle emozioni.

Alcuni decenni fa è stata decretate la fine storica dell’isteria:
ma se come dico l’isteria è s-venire, non venire all’appuntamento, tutt’uno con la drammatizzazione cioè l’amministrazione personale delle emozioni, il nostro è il mondo dell’isteria – in piazza, in parlamento, in TV,  in casa – qui chiamato “psicopolitica”

Il corpo non c’entra più:
non c’è più forma della mano che stringe la coppa (l’affetto) ma solo l’emozione precostituita del toccare, un algoritmo gestuale e in generale mimico.

Bei tempi quelli antichi quando le emozioni erano una professione retribuita, come nel caso delle prefiche, donne pagate per piangere ai funerali:
infatti almeno a volte ci guadagnavamo, mentre oggi – e nell’isteria – le amministriamo poveramente gratis.

lunedì 4 luglio 2016

 

_____________

[1] Ezio Mauro, Il fantasma della libertà ai tempi degli emoticon, la Repubblica giovedì 30 giugno.

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.