UN BAMBINO NORMALE (GIAPPONESE)

Tutti al mondo sanno del bambino giapponese di sette anni, Yamato, sopravvissuto da solo per quasi una settimana nella foresta bevendo acqua, e per il resto dando fondo alle sue riserve lipidiche:
ciò a seguito (non dico effetto) dell’intelletto cretino di genitori che hanno creduto di punirlo fingendo di abbandonarlo sulla strada, per tornare poco dopo a raccattarlo pentito e piangente:
lui invece non si è fatto raccattare, e senza lacrime si è nascosto e poi allontanato.

Potremmo dire, con la letteratura italiana, che è andato dagli Appennini alle Ande non per trovare la mamma, semmai è lui che l’ha abbandonata in cattiva compagnia col degno coniuge.

Chissà se per una volta impareranno qualcosa gli psicologi, e anche psicoanalisti, con la loro brava “sindrome di abbandono”.

Io sono appartenuto, come Yamato oggi, a una generazione di bambini di ieri che pensavano realisticamente le favole di genitori morti di fame, che abbandonavano i bambini nella foresta per non vederli morire della stessa fame (penso ai barconi):
in quelle favole i bambini erano notevoli per iniziativa, e non piangevano.

Eravamo normali.

Quelli dell’ISIS non sono certo bene intenzionati quando insegnano ai bambini l’uso da fare delle armi, ma è a bambini così che si rivolgono.

lunedì 6 giugno 2016

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.