PLATO NON AMICUS

Domanda di un’intervista (la stessa di lunedì 9 maggio):
“A suo parere cosa caratterizza la cosiddetta ‘psicoanalisi contemporanea’, e quando si può dire abbia avuto inizio?”

Alla quale ho risposto:
Da subito. Essa consiste nel fatto che gli psicoanalisti non hanno recepito Freud come scoperta, ancora mai fatta, del pensiero, e come amicizia o avvocatura del pensiero:
la psicoanalisi è l’esercizio di tale avvocatura applicata alla psicopatologia.

Se la parola “amore” avesse significato – e molti ne hanno ragionevolmente dubitato –, sarebbe quello di amicizia del pensiero. La parola “filo-sofia” ne è rimasta lontana quando non contraria.

Plato non amicus.

PS

L’espressione “Plato amicus sed …” ha avuto una lunga gestazione.

L’ha usata anche Stalin per Bucharin.

giovedì 12 maggio 2016

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.