GIUSTIZIA?

Un collega francese molti anni fa mi disse “La justice n’existe pas”, e io non ho cessato di prenderlo in parola:
presto gli ho dato ragione quando si è trattato di negare “la giustizia” come Idea platonica poi agostiniana, cioè il Giustizialismo ideale.

Poi però c’ stato Kelsen e il suo nuovo pensiero su diritto e giustizia.

Ma per ora non disquisisco, approfitto semplicemente di un mio sogno recente, una quartina di tetrasillabi [1]:

É una vita
da pennuti,
pennellati e
dispiaciuti.

Esso segnala con poeticità melanconica l’ingiustizia sensibile (“dispiaciuti”) di un pensiero antico e tradizionale, quello di animale (“pennuti”) umano (“pennellati”, il semblant lacaniano, o il docetismo sull’uomo):
per giustizia e ingiustizia bisogna ripartire dall’imputabilità del pensiero come atto (“animale umano” è un atto imputabile), prima che dalla disoccupazione e dal terrorismo.

Continuerò.

 

mercoledì 25 maggio 2016

_________________

[1] Petrolio, lunedì 2 maggio.

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.