COLPA, ANGOSCIA, PENSIERO

La colpa – o delitto, o reato, o peccato – non ha nulla a che vedere con il senso di colpa:
inversamente, si compiono colpe per dare un senso a tale assurdo senso:
al senso di colpa si obbedisce come dei soldatini.

Tale senso non è diverso dall’angoscia, come segnale di una minaccia radicalmente diverso dalla paura:
le si obbedisce come dei soldatini, fino al massacro.

Gli psicoanalisti sapevano queste cose (che nella colpa si sta benissimo, che l’iniquo prospera, lo dice anche la Bibbia), ma poi hanno ceduto:
avevano un nuovo pensiero, anzi avevano il pensiero, ma non ci si sono affezionati.

Sì, il pensiero è una faccenda di affetto.

mercoledì 18 maggio 2016

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.