L’AMORE E LA ROBA

Lo spunto è un articolo recente [1].

Ripeto che si può parlare di amore solo distinguendolo dalla misericordia, cosa da poveri:
e riconoscendolo come passione senza patetico, e anche come interesse.

L’amore è cosa da ricchi:
però distinguendo la ricchezza come “la roba” (ricordate Mazzarò?) dalla ricchezza come modo di produzione della roba:
qui ci sta anche S. Francesco, che tutti confondono con gioiose pezze al sedere.

La lingua, coniugata con quella che abbiamo in bocca, è (ma raramente) modo di produzione della roba:
bene o male lo ha detto anche Austin in How to do things with words (Come fare “robe” con parole, 1955), individuando le cose come azioni:
ho appena scritto “La lingua è modo eccetera”, ma dovevo scrivere “può essere”, cioè potere:
è un potere che pochissimi prendono, e molti avversano e censurano.

Freud è un caso di presa del potere:
poi gli psicoanalisti se ne sono largamente privati.

martedì 12 aprile 2016

____________

[1] Alberto Melloni, Francesco e la riforma dell’amore, la Repubblica sabato 9 aprile.

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.