LA NUOVA ALLEANZA

Sabato domenica 23-24 aprile 2016
in anno 159 post Freud amicum natum

 

Ho scritto che il pensiero – chiamato da Freud “inconscio” perché formalmente difforme dalla presuntuosa oscura “coscienza” – proprio per questa difformità, presupposta la coscienza come famigliare o intra  moenia, si presenta come estraneo, straniero, capitato da fuori, esterno come la realtà esterna.

Può poi accadere – un accadere che è il fine di un’analisi – che il soggetto, l’io, passi dall’estraneità ostile a questo pensiero all’alleanza con esso, riconoscendolo come già suo (principio di piacere come principio, non come legge naturale edonistica):
questa alleanza come fine di un’analisi trova l’analista come alleato (o partner).

La chiamo nuova alleanza a buona ragione, perché non preesisteva:
questa alleanza è principio di realtà, realismo è la riconciliazione col pensiero.

Notevole che il realismo (universale come tale) comporti la pace con il pensiero, che come tale è paci-fico.

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.