BUONA NOTTE!

Molte le formule beneaugurali, questa è la migliore.

Il sonno come desiderio la dice lunga sul desiderio e sulla soddisfazione:
esso è quanto di più ripetitivo e di meno coatto, e la soddisfazione è il punto finale dell’azione:
è il coatto a soffrire di insonnia e a essere insoddisfatto.

Nel sonno cogliamo l’universalità:
in esso il soggetto cessa di agire, l’agire è lasciato all’universo (“fate voi”).

Atlante è la figura stessa dell’insonne e del coatto, gli Dei lo condannano ad agire sempre portandosi l’universo sulle spalle.

Nel sonno cessa l’agire salvo il pensiero:
Freud commentava che il sogno (un atto dell’inconscio-pensiero) è il protettore del sonno.

Il sonno, e con esso il sogno, non è infantile, è lo stesso nell’adulto e nel bambino.

Ovidio ha ben pensato facendo del sonno-sogno una divinità, Morfeo.

“Chi dorme non piglia pesci” è un detto malevolo e falso.

Ciò che più mi piace di Gesù è che dormisse sulla barca in tempesta (Mc 4, 35-41).

Il sonno-sogno è amico della morte, che non produce né coltiva.

martedì 1 marzo 2016

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.