POTERE, DAL BAMBINO IN POI

In più occasioni, come in questo Convegno di cui ho appena riparlato, non ho fatto che portare acqua (come ieri) al mulino del potere del bambino, idea impensabile (il bambino è “fragile” ?!):
ricordo che il potere è il tema del Simposio di questo anno della”Società Amici del Pensiero”.

Alla edificazione del rapporto, inizialmente inesistente, tra il neonato e quei perfetti estranei che sono gli adulti, il principale contributo è dato dal bambino:
un contributo mite, che non significa fragile né debole:
il potere non è azione di uno su un altro, è dispositivo, disposizione, ordinamento.

Oggi in politica c’è poco potere:
rischio.

mercoledì 10 febbraio 2016

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.