“FUORI I MERCANTI … !”

Ma perché?, tenuto anche conto che questi mercanti vendevano robetta, animaletti da sacrificio, immaginette diremmo noi, gadgets sacri o profani intorno al Tempio:
risposta, perché disegnavano una linea tra sacro e profano, una linea chiusa (il “sacro”) che spezzava l’universo del mercimonio universale:
in cui “Dio” stesso è il mercante della sua offerta, e solo come tale degno di considerazione, com’è giusto e reale:
come dice il Padre Nostro “Dacci ora il pane quotidiano” (naturalmente la cosa si fa complessa).

Significa che ci sono solo affari, non fuori o dentro ossia gli affari torbidi dell’interiorità:
trasparenza del mercimonio universale, che l’iniquità non vuole.

I poveri – bidonville o favela – sono i tagliati fuori dal mercimonio.

Gli intellettuali peccano, il loro peccato è l’occultamento dei loro affari, che negano.

La psicoanalisi – regola di non omissione e non sistematizzazione – moralizza il mercimonio universale, palesando i cattivi affari.

mercoledì 20 gennaio 2016

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.