LA CREDENZA ASSOLUTA

Non “le credenze”, ce n’è una sola assoluta:
è la credenza nella “struttura” (“simbolico”, “linguaggio” con virgolette) che ha fanatizzato di sé il secondo Novecento, proseguendo intatta nel XXI secolo.

Chomsky l’ha militata senza dubbi di fede (“grammatica generativa”), e senza apporti empirici e logici.

Lacan si è differenziato in questo:
ha pensato (senza ulteriore pensiero) l’uomo come invincibilmente preso (dupe) in questa credenza, inetto a liberarsene (compreso l’uomo-Lacan), salvo passare a non-dupe ossia una sorta di anarchia individuale (errer) rispetto alla “struttura” stessa.

La stesso pensiero di guarigione ne risulta schernito come il balzo a cavallo del Barone di Münchhausen, che mentre è ancora in aria torna indietro con una curva a U.

Di fronte a tanto im-potere (neppure l’anarchico ha potere, non ne vuole), la frase della misericordia è:
“siete patetici!”, ontologicamente (l’ontologia resta).

Sottomissione, anche del ribelle (addomesticabilissimo).

lunedì 14 dicembre 2015

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.