IL GIUDICE, O IL DIVANO POLITICO

Il giudice non è chi salva la pelle tra i contendenti:
è terzo tra i contendenti, come quelli dei giorni nostri che occupano tutto lo spazio psichico e giornalistico.

Ci sono momenti storici, come questo, in cui la mia stima per la psicoanalisi si accresce, al costatare in seduta che il divano permette al soggetto di portarsi in un altro  discorso, o su un’altra scena, rispetto al discorso o scena che pretendono di imporsi nel mondo, senza libertà per coloro che vi recitano sia pure in nome della libertà.

Non entra in campo, in un campo disorientato.

Di questa terzietà del soggetto – del pensiero – che il divano semplicemente libera, quasi nessuno trae la morale:
la prima è che, così facendo, può:
può politicamente.

venerdì 27 novembre 2015

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.