UMILIAZIONE E DIFFAMAZIONE, E IL REALE

Si è già sbagliato tutto quando si crede che parlando del bambino si stia facendo della psicologia infantile, ovviamente di età evolutiva:
Darwin, ripeto, non ha scritto del bambino.

L’umiliazione ferisce anzitutto il pensiero, e come tale è il nemico dell’amicizia, quella che non esiste se non è amicizia del pensiero:
questa umiliazione è il primo peccato, sinonimo di delitto (potremmo disquisire che è questo il “peccato originale”).

Umiliazione è sinonimo di diffamazione del pensiero, ossia riguarda il legame sociale a partire dal suo inizio istituito, la frase, cosa fatta in autonomia intorno ai due anni:
La diffamazione rende impotente perché esclude il – prima che dal – legame sociale.

C’è umiliazione e diffamazione del bambino quando si teorizza che, con il passaggio alla frase, il bambino giocherebbe al piccolo linguista come al piccolo chimico.

Nei primi due anni, entro i quali il bambino parla, questi non ha affatto frequentato una precocissima scuola primaria con approssimativo apprendimento della lingua, i primi passi della lingua come i primi passi delle gambe:
invece, egli ha elaborato-pensato-posto quella frase che nessuno gli ha insegnato (con la peraltro mediocre signoria dell’in-segnante):
ha fatto legame sociale, Civiltà, che è realtà dell’appuntamento, quella che esiste a partire dalla frase.

Non  si mistifichi troppo il legame sociale:
è il regime e ordinamento (quello dell’appuntamento) grazie a cui avvengono gli affari:
solo gli affari sono reali (la patologia non fa affari, non ne ha il genio):
la natura ha poco reale perché non fa affari.

Il mondo va male perché il volume di affari è basso – la smithiana “Ricchezza delle nazioni” -, quanto basta per sopravvivere appena, a-pena:
da quando in qua “amore” designa affari?, cioè la sola cosa che questa parola potrebbe designare (“affari amorosi”):

in difetto, designa spreco, cioè la nostra realtà ordinaria, regime dell’invidia.

lunedì 7 settembre 2015

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.