L’APOSTASIA NON ESISTE (bis)

Avevo già inventato il neologismo “ipo-crazia” come si dice “ipo-dotazione”, e anche “ipo-crita” o ipodotato in giudizio (Ipocrazia, martedì 16 giugno, e Superbia dell’ipocrazia, mercoledì 8 luglio).

Aggiungo il neologismo “apo-crazia”, distacco dal potere o rinuncia al potere (verbo):
non esiste apostasia ma solo apocrazia, rinuncia al potere della soddisfazione (detto da Freud “rinuncia pulsionale, Triebverzicht):
notabene, quello che nessun “Potere” conferisce, né lo può.

Siamo un mondo di apocrati o di Re Lear, di abdicanti (si inizia con la rimozione), seguiamo come ipocriti, e chi è senza peccato scagli la prima pietra:
in patologia e Cultura possiamo solo essere ipocriti, non si salva nessuno.

Poi è venuta la demo-crazia, che è il meno peggio che abbiamo, e non ne sono apostata.

La Religione mi fa apocrata, e proprio per questo non si dà il caso che ne sia apostata:
l’ho osservato più volte nell’imbarazzo di tanto compagni del passato, che non sapevano dire da che cosa erano venuti-via (apo-stasia), e non lo sapevano perché già prima non sapevano in che cosa stavano:
non stavano – “stasia” –, non potevano fare apo-stasia:
la Religione non può avere apostati.

martedì 29 settembre 2015

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.