IMPOTERE AMOROSO

Sabato domenica 26-27 settembre 2015
in anno 159 post Freud amicum natum

 

Le correnti disastrose idee amorose, anzitutto quelle riferite a uomo e donna, fanno perdere all’uno e all’altra i benefici derivabili dalla reciproca partnership, fatta per produrre frutto:
uomini e donne non si sanno s-fruttare – peccato! alla lettera –, fino a ignorare la rispettiva capacità di frutto:
è questa l’im-potenza sessuale, l’altra ne deriva come dispetto.

Tutto è sempre e solo questione di potere:
il primo, e l’ultimo, è fatto di pensiero.

Si dibatte sempre, con la noia del patologico, di famiglia etero e omo:
ma è la famiglia a non essere mai stata un gran che, neppure per i figli:
nell’uno e nell’altro partito si difende il non-gran-che.

Ci si sarebbe potuto aspettare di meglio dal cristianesimo per il fatto di averla rilanciata, si doveva farne una SpA (“una sola carne”):
ma nel sacra-mento è prevalso il sacri-ficio, la tolleranza come sopportazione, e per di più si è fatto dei figli ciò che non si doveva ossia dei frutti (i frutti si mangiano o vendono, non pensano e non camminano):
si poteva sì prospettare l’indissolubilità, ma solo un’Azienda funzionante non si dissolve.

Ma ciò che dico dell’impotere amoroso, non dei sessi bensì della loro differenza, è solo il compendio di ciò che ne dice Freud come “nervosismo moderno”:
non che gli antichi se la cavassero meglio, ma la modernità si è illusa della sua modernità.

É sempre del verbo “potere” che si tratta, e dell’invidia che denomina l’imperativo degli imperativi:
che nessuno deve potere, un imperativo rimasto moderno (c’è chi direbbe “secolarizzato”):
ne è debitrice la povertà materiale (lo si verifichi).

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.