SANTA VENEREA

Esiste, e precisamente in Paradiso IX, 25-66:
è Santa Cunizza, Cunizza da Romano, ed è quasi lei stessa a darsi il nome che le ho prescelto (“mi vinse il lume d’esta stella”, Venere).

Chi è Cunizza da Romano?, leggere Dante per credere senza paradosso:
è una Bocca di rosa celeste, un’Orsolina comme il faut:
ella obbedisce al destino assegnatole dall’alto, il Cielo di Venere, e fa lietamente quel che deve (“lietamente a me medesma indulgo”), senza senso di colpa (“e non mi noia”) che offuscherebbe la sua vocazione già celeste benché ancora terrena.

Mi è facile immaginare Cunizza che dopo entusiastici abboccamenti si ritira in preghiera a ringraziare Dio per i suoi orgasmi:
sostenuta in ciò dalla Teologia stessa con l’argomento del godimento di Dio, secondo il quale l’orgasmo umano è solo analogia di tale godimento:
che non a caso è chiamato “estasi” in lessico mistico-popolare (ricordo l’estasi di Santa Teresa d’Avila del Bernini a Roma, correttamente domiciliata in Chiesa).

mercoledì 15 luglio 2015

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.