AUGÙRI

Riprenderò l’1 settembre, martedì.

In occasione di queste vacanze ho inviato i miei auguri ai Soci della Società Amici del Pensiero.

Ma non ho tratto auspici, segni, dal volo degli uccelli, né faccio parte di una casta sacerdotale autorizzata a trarne:
l’augurio o auspicio perché la vita sia amica, la sua predizione, è l’amicizia stessa del pensiero, nella sua formale distinzione dall’ostilità o dall’indifferenza per il pensiero.

É il medesimo senso dell’espressione già introdotta “un uomo che ha futuro”:
non ci conta nessuno a partire da quell’altra espressione “speranza di vita”.

Cade la distinzione antica tra augùri pubblici e privati (era una pecca dei Romani, rimasta generale).

Ricalco un’antica espressione:
se il pensiero amico è con noi, chi è contro di noi?

In anno 159 post Freud amicum natum.

lunedì 20 luglio 2015

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.