VIZIO POLITICO: INVIDIARE E DEPRIMERE

Rincaro su un precedente (Invidia vizio politico, giovedì 4 giugno).

L’invidia è un atto (in-vidia come mal-occhio) che produce un danno, economico come ogni danno;
essa non è uno stato psichico come non lo è la depressione, non ci sono depressi ma deprimenti, ossia ancora un atto:
l’atto dell’invidia è la depressione economica di qualcuno e tutti.

L’individuo umano è una realtà economica e giuridica, la “psiche” è essa stessa economia e diritto, non un’interfaccia tra l’individuo e la realtà economica e giuridica:
lo è, compreso il caso di esserlo a sfavore, di sé e di tutti, come nell’invidia-depressione:
L’invidioso-deprimente è come un broker che affonda le Borse, o una quinta colonna.

mercoledì 17 giugno 2015

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.