CONIUGIO DA EDIPO

Si comincia (è ciò che chiamiamo “bambino”) dall’esperienza, ma subito facendosi delle idee che la orienteranno (le idee non la natura):
quando l’io è stato attivo nella loro composizione le chiamiamo pensieri, in conformità a quell’attività elaborante che chiamiamo pensiero.

Il bambino si fa un’idea di coniugio legittimo quanto a quel paio di individui che chiama, del tutto convenzionalmente, “genitori” o “padre e madre” (e senza chiedergli il certificato di matrimonio):
da quando ne connota sessualmente il coniugio si fa anche l’idea di orientarsi in esso prendendovi posizione secondo la posizione di uno di essi:
è ciò che è stato chiamato “complesso di Edipo”.

L’orientamento successivo del suo sesso, e non anzitutto di questo, ne discenderà, secondo vicissitudini diverse (sorvolo sul disastroso di ciò che non lo sarebbe affatto necessariamente):
l’ultima parola sarà una soluzione individuale.

Da decenni si discute di etero- e omo-sessuale e delle loro conseguenze istituzionali, senza che qualcuno ricordi (almeno gli psicoanalisti!) che nell’un caso come nell’altro si tratta di derivati del suddetto complesso:
ciò significa che non è una legge di natura a essere legislativamente operante, che la natura è materia sotto trattamento, come l’uva per fare il vino.

I sostenitori della legge di natura avevano dunque torto, un torto millenario:
ma certo, costituito l’ambito mondiale del torto, non si sa più chi ha ragione, ragione e realtà.

La Teoria gay si atteggia con gli argomenti tradizionali della legge di natura, insomma è tutto un c…no teorico:
ma è da Platone che Teoria significa c…no.

lunedì 1 giugno 2015

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.