LA PACE INSODDISFATTA

Scrivevo recentemente di ciò che è pace, “non il ritorno del soldato a villaggio e famiglia” (Conto tre, giovedì 7 maggio).

Questa verità si percepiva nelle recenti celebrazioni del 25 aprile, intendo nelle numerose testimonianze di reduci dalla Resistenza.

In esse trapelava che la pace del ritorno alla “pace” non valeva affettivamente il ricordo fresco della guerra.

Era un ritorno all’insoddisfazione civilizzata, resa militata dalla Cultura come rinnegato campo di battaglia (Freud in Il disagio nella Cultura).

La pace insoddisfatta trova anche misura macroeconomica, non microeconomica in cui si cerca di relegarla.

Una volta era anche chiamata “valle di lacrime”.

PS

É stupido come i politici parlano della “Cultura” come di un Cielo costellato di Santi.

martedì 12 maggio 2015

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.