NON CONTA

Quasi nessuno riesce a pensarlo, che cosa?, che non conta:
ma che cosa? cioè il soggetto della frase:
e l’unica cosa al mondo che non abbia contabilità, equivalente, costo, prezzo, valore è la vita sessuale.

Ma – ecco tutto – essa continua ad accompagnarsi a un senso di costo:
per una volta il “senso di colpa” acquista un contenuto sensibile benché assurdo, corrispondente alla frase “Questa me la paghi!”:
è quel che dice la prostituta, che ciò dicendo diventa la bocca della verità per l’umanità intera, e solo in ciò esercita il mestiere più antico del mondo.

É quasi impossibile trovare un essere umano nel pensiero del quale la vita sessuale, anche legittima e magari benedetta da “Dio”, non sia prostitutiva, magari gentilmente (doni, fiori, precedenza, onore sociale in “quote” rosa).

L’errore non nasce dai sessi, questi sono solo il bersaglio universale:
il disonore precede, procede da un falso depositato in cassetta di sicurezza nel caveau del “Cielo” (chiamato “superio” da Freud):
una cassetta di sicurezza è un mistero perché potrebbe non contenere nulla.

Noi psicoanalisti non siamo sessuologi, non parliamo mai di sesso:
solo la patologia ne (s)parla, e illimitatamente, è pansessualista come le morali sessuali:
ci occupiamo di un errore che disprezza (verbo da usare come assoluto), e prezza i sessi.

venerdì 10 aprile 2015

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.