QUEL CRETINO DEL DIAVOLO

Sabato domenica 7-8 marzo 2015
in anno 158 post Freud amicum natum

 

Sono appena tornato sull’intelligenza (Poveri ma intelligenti, giovedì 5 marzo), con la questione della fonte di un tale giudizio (ho già negato che la Psicologia sia una tale fonte se non per abuso, peraltro fallimentare).

Sono tutt’altro che contrario ai test (di intelligenza e altri), e ho già menzionato il Patrono dei test per l’intera umanità, Gedeone, inventore di due tra essi (Testo).

Un altro inventore di test è stato Gesù nella celebre seduta psicodiagnostica su un’alta montagna nel deserto, in cui il Diavolo cade nell’errore del suo stesso pensiero:
“Otterrai da me tutti i regni del mondo se mi adorerai”.

Gesù risponde con logica al test ormai posto dal Diavolo stesso come una buccia di banana sotto i propri piedi:
“Ma tu sei tutto scemo!, tu non hai potere e non sei fonte di conferimento di potere”.

Ho già scritto in proposito, ossia che il celebre soggiorno di Gesù nel deserto aveva come fine un regolamento di conti con il sullodato “Diavolo”, e anche con la credenza nella sua intelligenza:
ciò malgrado, gli uomini e tra questi i cristiani continuano a credere che il Diavolo (poco importa la sua esistenza) sia intelligente e abbia potere, cioè la lezione non gli è servita.

Ma se è scemo e impotente (dunque incapace di “possessione diabolica”), a che servirebbe la sua esistenza?:
consiglio di non rispondere troppo in fretta, prima bisognerebbe conoscere il potere di demenza e impotenza, che definisco potere diabolico come la miseria (intellettuale e materiale).

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.